Le discipline secondo la 'R. Misasi'

  • Tecnologia e Informatica
La disciplina si propone di valorizzare il lavoro come esercizio di operatività, unitamente all'acquisizione di conoscenze tecniche e tecnologiche. Essa concorre con le altre discipline ed attività alla educazione integrale del preadolescente: lo inizia alla comprensione delle realtà tecnologica, lo aiuta a sviluppare il proprio patrimonio di attitudini e ad acquisire specifiche conoscenze e capacità. La loro acquisizione si raggiunge considerato ogni fatto tecnico ed ogni processo produttivo non isolato, ma in relazione con altri fatti e processi, con l'uomo che se ne serve e con l'ambiente a cui è destinato.

E' anche essenziale la capacità di analisi, che conduce ad individuare gli elementi e le procedure semplici presenti in processi ed oggetti complessi, consentendo una loro riutilizzazione nella attuazione di processi diversi, ma concettualmente affini. A questa va associata la capacità di formulare ipotesi, rilevare ed elaborare dati, valutare risultati, confrontare fenomeni riconducibili ad uno stesso modello di comunicare utilizzando in modo corretto il linguaggio tecnico.

Il raggiungimento di obiettivi diversi e complessi come quelli enunciati, richiede l'organizzazione di varie attività degli allievi, operative, di studio e di ricerca. L'area di contenuti che si individua comprende l'acquisizione di capacità operative e metodi tecnici riutilizzabili in diverse situazioni, congiuntamente alle conoscenze inerenti il campo delle relative tecnologie.

Contenuti:

I settori della produzione: primaria, secondaria e terziaria; i metodi, gli strumenti, i procedimenti, i principi scientifici relativi ad alcune tecniche e tecnologie impianti elettrici, elettronici e sistemi logici; strutture resistenti e costruzioni; arti grafiche, tessili, ceramiche, cinematografiche; mezzi di comunicazione di massa e di informazione; elaborazione delle informazioni - con semplici dispositivi automatici e semiautomatici); principi generali che riguardano l'economia, la tecnica, la tecnologia ed il loro rapporto con l'uomo e con l'ambiente (struttura delle macchine e rapporto uomo-macchina; la misura nei procedimenti tecnici; i linguaggi artificiali; il rapporto tecnica-ambiente e tecnica-natura; l'organizzazione del lavoro).

Informatica certificata nelle ore curricolari: gli alunni traguarderanno l'ECDL (Patente Europea del computer) nel primo anno, l'ECDL ADVANCED nel secondo anno, l'ECDL WebStarter, l'ECDL ImageMaker e l'ECDL CAD nel terzo anno di frequenza. Durante le ore curricolari di tecnologia, gli ingegneri della Solutio, insegneranno agli alunni l'uso professionale del computer. E lo faranno con le migliori risorse hardware a disposizione. L'informatica sarà una disciplina trasversale intanto ai contenuti tradizionali della materia Tecnologia, quindi a tutti gli insegnamenti curricolari.

Itinerario scolastico:

E' evidente che i diversi temi ed i relativi obiettivi didattici richiedono attività di diverso tipo, da alternare opportunamente. Tanto premesso, questa disciplina è organizzata come una successione di esperienze, in ognuna delle quali proporre agli allievi una situazione problematica ed operativa ben identificata, in genere di tipo sperimentale, ove occorra di laboratorio.

Peraltro le diverse tipologie di esperienze sono affidate ciascuna a un esperto professionista abilitato alla materia e specializzato nel particolare settore.

Il raggiungimento degli obiettivi caratteristici della disciplina, che mira soprattutto a sollecitare negli allievi la loro attitudine a comportamenti operativi, necessariamente richiede secondo la nostra visione un metodo didattico fondato sulla diretta partecipazione di ciascun allievo alle esperienze di ricerche e di intervento, che gli insegnanti promuoveranno nelle forme più opportune, individuali o di gruppo.

Va fatto ricorso non all'ordine logico, sistematico, deduttivamente applicativo di presupposti scientifico-tecnologici alla operatività immediata ma piuttosto all'ordine psicologico che fanno emergere dalle situazioni in atto e dai problemi concreti la consapevolezza e le sistemazioni ordinate, secondo una metodologia della scoperta e della ricerca in termini di vissute esperienze. Dal fare problematicamente proposto si passa così al sapere e si giunge al lavoro e alla tecnica intesi ed attuati come momento ed espressione di cultura.

 

Le esperienze includeranno una gamma di procedimenti tecnici e tecnologici, fra i quali vale la pena di indicare i seguenti:

- il metodo progettuale, inteso come percorso che, partendo da un problema comporta la scelta di una soluzione e la sua analisi critica, la realizzazione pratica e la verifica, includendo un continuo processo di revisione;

- l'analisi tecnica finalizzata alla scoperta degli elementi fondamentali di tipo strutturale ed alla acquisizione delle conoscenze, preliminare ed indispensabile all'intervento tecnico;

- le prove sperimentali;

- l'analisi geografica, storica e ambientale in un opportuno rapporto con le rispettive discipline.

L'attuazione concreta di questi procedimenti implica l'attività delle quali si indicano alcuni possibili tipi:

- progettazione e costruzione di semplici impianti, strumenti e modelli in vari campi;

- montaggio, smontaggio e rilevazione delle caratteristiche strutturali, funzionali e di costo di semplici apparati o oggetti. - Confronto critico con apparati similari;

- esecuzione di prove e saggi di tipo sperimentale su materie prime e prodotti vari;

- messa a punto, collaudo ed uso di semplici apparecchiature;

- programmazione ed effettuazione di visite guidate a cantieri, industrie e servizi dei vari settori produttivi e laboratori artigiani;

- partecipazione diretta, ove possibile per gruppi di classe, ad attività socialmente utili, legate all'ambiente; esame critico dei problemi a esse connessi;

- rilevazione di terreni, di cartografie, di ambienti.

 

In ciascuna esperienza debbono intervenire, quando necessario, riferimenti e conoscenze scientifiche e capacità operative di base, a norma di sicurezza e di prevenzione degli infortuni, che é compito dell'insegnante programmare, anche in collaborazione con gli insegnanti delle altre discipline, durante la preparazione del lavoro didattico. Citiamo la misura di grandezze fisiche, la lettura e la realizzazione di grafici e disegni, la predisposizione di questionari e strumenti di indagine.

Questa attività di progettazione presuppone una conseguita padronanza del disegno geometrico come avvio al disegno tecnico e l'esercizio di abilità esecutive fondamentali come aspetti e compiti specifici dell'insegnamento di educazione tecnica.

Le esperienze non dovranno fondarsi su uno solo dei momenti suddetti, ma farli opportunamente interagire.

  • Inglese Potenziato
In base alla normativa vigente, la classe prima secondaria si avvarrà del potenziamento della lingua inglese in sostituzione delle lezioni di L2 (tedesco, francese o spagnolo). Gli insegnanti saranno rigorosamente insegnanti madrelingua inglesi.

Contenuti:

- Maps (The United Kingdom, Ireland, The USA, Canada, Australia, India...)
- Culture (Multicultural Britain, School LIfe in Britain, Roman Britain, Cities, Towns and Villages, British IHistory Timeline, Sport in the English-Speaking World, Natives around the World, Goverment and Politics, Tv and Newspaper...) 
- Festivals (Hallowen, Christmas, Esaster, KwanzaaSt. Patrick's Day, May Day...)
- CLIL (Food and Nutrition, Recycling, Personal Health and Safety, Road Safety, Computer Safety, Discovering Food, Earthquakes, Electricity and Lightning, Literature Science, Geography, History)
  • Campagna estate 2015

     

     

    Campagna inverno 2014

     

     

    Campagna Natale 2014

     

     

    Campagna autunno 2014

     

    Campagna primavera/estate 2014